Clicka se ti piace il blog

Clicca MI PIACE se davvero ti piace questo blog

Cerca

martedì 22 gennaio 2013

Fare il bucato in una barca a vela


Giorno di bucato a bordo di Horus



Per vivere in barca bisogna accettare il fatto che ci si deve adattare e magari tornare a quelle abitudini che erano dei nostri nonni ( o bisnonni, dipende da chi legge). A quei tempi non c’erano tutte le comodità che oggi affollano i nostri appartamenti e non sono affatto convinto che a quei tempi si era meno felici di oggi. E così, chi sceglie di fare di una barca a vela la propria casa deve fare di necessità virtù. Prendiamo il bucato, per esempio. Certo, anche in una barca si può avere una lavatrice, magari una di quelle piccole, da campeggio. Ma si pensi  a quanti lati negativi ci sono. Il consumo di energia, per esempio (anche se in barca esiste un inverter che fornisce una tensione “casalinga” da 220 volts, alla fine sono sempre le batterie a scaricarsi velocemente). O il consumo d’acqua che fa a pugni con la capienza inevitabilmente limitata dei serbatoi. E lo stesso spazio che dovrebbe ospitare la lavatrice e che, invece, potrebbe essere utilizzato per stivare cose molto più utili.
E allora, perch°è non fare il bucato a mano? Ecco come faccio io.

    Prendo dai panni sporchi una cesta di panni (non di più) di piccola taglia, quindi vestiario, federe, tovaglioli, ecc.
    Li insapono singolarmente con il sapone di marsiglia nel lavandino e li metto nella vasca riempita di circa 10 cm di acqua fredda.
    Quando ho finito con l’insaponatura di ogni capo di bucato e tutto si trova nella vasca, agito i panni brevemente e li lascio ammollo per 10-15 minuti.
    Poi sciacquo nella vasca ogni capo, li strizzo, li metto sul bordo e faccio scolare via l’acqua.
    Riempio di nuovo la vasca con 10 cm di acqua fredda e rimetto a mollo i panni sciacquati prima.
    Agito ancora un pochino.
    Dopo altri 10-15 minuti risciacquo di nuovo, strizzo e stendo.