Clicka se ti piace il blog

Clicca MI PIACE se davvero ti piace questo blog

Cerca

mercoledì 25 maggio 2016

Oggi a Salerno è giorno di bucato


Ebbene sì, oggi è giorno di bucato. A bordo di Horus, non ci crederete, c'è anche una piccola lavatrice (regalatami da un amico velista, Riccardo Santolini). A dispetto delle dimensioni, è una Max. Funziona a 220 volts e tutto sommato non consuma neppure troppo. Io riesco ad usarla anche con il mio inverter da 2.5 Kilowatt. Non ha resistenza, nel senso che non ha un "coso" che riscalda l'acqua. Acqua che dovete mettere voi dentro. Io la tengo nel bagno di Horus e l'acqua la metto dentro con il flessibile del lavabo, lo stesso che uso per fare la doccia.
La lavatrice ha solo un piccolo motore che "strapazza" la biancheria come fareste voi se doveste lavarla a mano. E c'è un timer meccanico: io lo metto sempre al massimo che poi è il tempo giusto: un a ventina di minuti.

Se avete roba chiara, mettete acqua calda, feredda se dovete lavare cose colorate. Un misurino, un po' di detersivo possibilmente ecologico e non inquinante et voilà il gioco è fatto.
Se il risultato non vi convince, rifate il processo: un altro po' di "sguazzamento" non farà male alle voistre magliette. Il limite, se di limite si può parlare, è che nella Max c'entra al massimo un chilo di roba. Un lenzuolo alla volta, ma anche cinque magliette o due jeans.
Quando il lavaggio è terminato, scaricate l'acqua sul pavimento del bagno e accendete la sentina per scaricare l'acqua fuori bordo. Poi riempite di nuovo la lavatrice e provvedete a sciacquare gli indumenti.
I consumi: praticamente irrisori quelli elettrici: quando uso l'inverter, comunque, accendo il motore per non incidere troppo sulle batterie (io ne ho quattro da 100 amperes l'una). Notevole, invece, il consumo d'acqua. perciò, occhio!
Oggi ho fatto il bucato approfittando della prima giornata in cui non c'è vento: così ho potuto stendere la biancheria senza rischi di perderla chissà dove: il lenzuolo appeso sulle scotte del genoa, il resto sulle draglie.
E domani pensiamo a lavare la barca, soprattutto dentro. A propostito, approfittando dell'inverter potentino che mi dà i 220 volts a bordo e dei pannelli solari che mi ricaricano le batterie, ho anche un'aspirapolvere vera: basta avere l'accortezza di regolarne la potenza in modo da non farle superare i 500 watt. E spegnerla quando ci si sposta da un ambiente all'altro.
Ecco, l'ho detto.

Se volete, qui sotto ci sono dei pulsantini per condividere questo post sulla vostra pagina Facebook o sul vostro Twitter