Clicka se ti piace il blog

Clicca MI PIACE se davvero ti piace questo blog

Cerca

giovedì 26 maggio 2016

Salerno, impossibile non innamorarsene

MASUCCIO SALERNITANO - SALERNO
40°40',44 N 14°45',91 E

Il porticciolo Masuccio Salernitano si trova nella zona ad Est del porto commerciale di Salerno. E' costituito da un molo di sopraflutto a gomito di circa 500 m e da un largo piazzale banchinato.
Pericoli: mantenersi a distanza dalla testata del molo di sopraflutto a causa della scogliera antistante. Prestare attenzione date le ridotte dimensioni del bacino portuale alle unità passeggeri per la Costiera Amalfitana.
Orario di accesso: continuo
Fari e fanali: 2658 (E 1734) - fanale a luce fissa verde, 2 vert., portata 3 M, sulla testata del molo di sopraflutto; 2658.2 (E 1734.3) - fanale a luce fissa rossa, 2 vert., portata 3 M, sulla testata del molo di sottoflutto (mantenersi a non meno di 30 m dal fanale).

Fondo marino: sabbia
Fondali: in banchina da 0,70 a 6,5 m
Radio: Vhf canale 16
Posti barca: 414 di cui 41 per il transito.
Lunghezza massima: 16 m
Venti: NE predominante.
Traversia: SW.
Ridosso: tramontana e maestro.
(dalle Pagine Azzurre)

Numeri utili: Club velico salernitano: 089 224096; Tutta Nautica srl: 089 252738; Lega Navale Italiana: 089 225739; Gruppo Ormeggiatori del Porto: 089.241201/241543; Corpo Piloti del Porto molo Manfredi: 089.229212;

Il porto turistico di Masuccio Salernitano è soprannominato dagli abitanti "o penniello", perché fornisce una splendida passeggiata e una vista panoramica della città. E infatti, specie nel fimne settimana, sul molo di sopraflutto è un interminabile vai e vieni di gente. Insomma, lo struscio salernitano.

La costruzione del porto risale agli anni ’60 ed è formato da un sopraflutto a gomito di circa 500m e da un ampio piazzale banchinato. Presso l'approdo si trova anche uno dei due “Punto Mare” allestiti dall’Autorità Portuale della città, da cui partono i traghetti che uniscono la costiera amalfitana a Capri e Ischia, e alla costiera sorrentina e cilentana.

Masuccio Salernitano. Ma chi era costui?
Era uno dei tre figli di Margaritella Mariconda e di Loise, membro della nobile famiglia sorrentina dei Guardati, titolata del feudo di Torricella fin dal 1181. Nato sotto il segno dell'Ariete, come egli stesso ricorda nel suo Novellino, dunque tra marzo e aprile, forse era figlio primogenito. Infatti, come imponeva la tradizione dell'epoca, portava il nome del nonno paterno. Il fratello Francesco fu un medico, mentre la sorella Ippolita sposò il giurista Bernuccio Quaranta da Salerno.
Da giovane si dedicò agli studi ecclesiastici, che però abbandonò poco dopo per intraprendere la carriera di funzionario dello Stato; quindi si trasferì a Napoli, presso la corte di Alfonso d'Aragona, dove si integrò ben presto nell'ambiente umanista. Il poeta Giovanni Pontano, in un celebre epitaffio, affermò che Masuccio Salernitano era nato e deceduto nella stessa città, motivo per cui le incertezze storiche circa il luogo di nascita del novellista si risolvono nell'indicazione di Salerno (dove certamente morì), con probabilità inferiore su Sorrento, terra d'origine di suo padre.
Non molto dopo il 1440, Masuccio sposò la nobile Cristina de Pandis, nativa di Manfredonia, da cui ebbe cinque figli: Loise (che ricevette il nome del nonno paterno), Alferio, Vincenzo, Caracciola e Adriana. Nella capitale del Regno, il novellista strinse numerose amicizie, anche con esponenti della famiglia reale e della corte, nobili campani e spagnoli, ambasciatori di diverse città italiane ed intellettuali. Dopo il 1463, ritornò a Salerno e fu segretario del principe Roberto Sanseverino.
 Secondo lo storico salernitano Matteo Fiore, sarebbe sepolto a Salerno nell'antica Chiesa di Santa Maria de Alimundo, in una nicchia al centro del pavimento e priva di iscrizioni.
Masuccio Salernitano è ricordato esclusivamente come autore del Novellino, raccolta di cinquanta racconti satirici e grotteschi, pubblicata peraltro postuma nel 1476.
Il testo del Novellino, impregnato di forte carattere anticlericale, figura nel primo Indice dei libri proibiti promulgato dalla Santa Congregazione dell'Inquisizione romana. La pubblicazione dell'opera, dedicata alla nobildonna Ippolita Sforza, fu curata da Francesco del Tuppo. Una delle sue novelle, Mariotto e Ganozza (novella XXXIII), ispirò indirettamente il Romeo e Giulietta di Shakespeare.
Il regista Silvio Amadio intitolò un suo film, Come fu che Masuccio Salernitano, fuggendo con le brache in mano, riuscì a conservarlo sano, in onore del novellista salernitano.
(da wikipedia)


Sono arrivato qui nel tardo pomeriggio del 10 maggio. Partiti, assieme a Mario e Stefano da Vibo Valentia (dove ci siamo riparati per evitare un burraschetta), siamo giunti a destinazione dopo 31 ore di navigazione.
Entrati in porto ci siamo ormeggiati nei pontili della Lega Navale. Dopo un primo impatto “così così”, gli amici della lega mi hanno accolto come uno di loro e io, lo dico senza remore, mi sono sentito a casa. Tutti, dal presidente Fabrizio Marotta, al responsabile dei pontili e degli ospiti in transito Lucio Balsamo, ai marinai. Uno, oggi, mi ha regalato una bombola di gas: “Non me ne faccio nulla”, mi ha detto. Come non voler bene a queste persone?
Qui sono stato di casa. Per evitare sempre possibili incomprensione, i soci della Lega che volessero fermarsi per uno o più giorni (disponibilità dei porti permettendo) è meglio che contattino direttamente Lucio (tel. 3384296534). Qui alla Lega la vita è facile ed economica. Tanto per fare un solo numero: un caffè nel bar dell’associazione costa solo 60 centesimi di euro).
Per chi non è socio della Lega Navale, c’è sempre il Circolo Velico Salernitano: se hanno posti disponibili, vi ospiteranno per un paio di giorni.
Usciti dal porto, si è già nel centro storico della città. A poche centinaia di metri c’è la stazione e questa vicinanza è ottima per chi deve imbarcare o sbarcare persone. E poi, sempre a piedi, c’è la meraviglia del lungomare e quella del corso, una enorme isola pedonale che affascina chi non è mai stato qui.

Ma quel che appassiona di più è la gentilezza dei salernitani. Persone che mi seguivano su facebook, sul blog o su youtube sono venute a trovarmi, mi hanno portato dei loro presenti, mi hanno invitato a pranzi o cene. Aniello mi ha pure regalato un chilo di olio per miscela da aggiungere al gasolio per quando farò il pieno m(sono circa 140 litri). “Ti servirà a pulire il motore e renderlo più silenzioso”. Parola di meccanico. E c’è chi, come Enzo, è venuto i n auto da Napoli per organizzare una cenetta a bordo di Horus a base di sott’oli, mozzarelle di bufale, buon vino e limoncello. Insomma, non so se la cosa capita a tutti, ma io mi sono sentito e sono stato viziato. Girando per la città e parlando con le persone, la prima cosa che ho notato è che ti danno del voi o del tu. Insomma, niente vie di mezzo. Ma la cordialità è assicurata. 

Qui alcuni video:







Se volete, qui sotto ci sono dei pulsantini per condividere questo post sulla vostras pagina Facebook o sul vostro Twitter